traduzioni – Fish – Vigil in a wilderness of mirros – album -1990

VIGIL
(Veglia)

 Ascoltatemi, datemi retta,

Vorrei avere la vostra attenzione
Acquietatevi un momento per ascoltare una voce nella folla.
Sono così confuso… e proprio non comprendo
So che anche voi vi sentite allo stesso modo
E avreste sempre voluto dirlo
Ma non se ne ha mai la possibilità
Siamo solamente una voce nella folla.

  Non mi tornano più i conti

Nulla è più così chiaro
Non riesco più a distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato
Proprio non capisco!
 

Stavo proprio qui seduto a pensare
Di barattare il nuovo mondo per uno vecchio
Come cambiare i canali della TV,
O tramutare in oro la polvere in cui stiamo
Quando ero piccolo mi padre mi diceva che solo i cattivi muoiono
A quell’epoca era solo una bugia detta a fin di bene
Fu una delle prime, ma mi fece più male di qualsiasi altra
E la verità mi trafisse come le lacrime nei miei occhi
Perché anche i buoni devono morire
Non c’è bisogno di ragionarci sopra e non si tratta un crimine,
e non ho mai saputo perché
Anche ora tutto ciò mi stimola il pianto.

 Se c’è qualcuno lassù, potrebbe mandarmi un cenno

Solo dare una mano, solo chiarirmi un po’ le idee, e fornire qualche risposta alle domande che ora mi circondano
 

Se c’è qualcuno lassù, potrebbe mandarmi un cenno
Solo una piccola luce guida, per distinguere il bene dal male
Solo alcune risposte alle domande che vi sto ponendo

 Io sto vegliando in un deserto di specchi

Niente qui è veramente ciò che sembra
Ci sei molto vicino, ma non arrivi mai a capire
Perché tutto quello che vedo non è mai quello che sembra
Sono forse cieco?

 E voi state lì seduti a parlare di rivoluzione

Ma mi sapete dire esattamente chi comanda?
Quando mi direte quali sono le forze da combattere
Allora mi unirò a voi e farò volentieri dei piani
Ma per ora solo le nostre T-shirts chiedono la libertà
E le nostre voci sono imbavagliate dalla nostra avidità
Le nostre menti sono imbrigliate dalla conoscenza
Dalla visione della cima e dal desiderio di avere successo
E se non credete che sia così
Allora fatemi sapere che non sono da solo
Che non sono solo una voce nella folla.

 Se c’è qualcuno lassù, potrebbe mandarmi un cenno

Solo dare una mano, solo chiarirmi un po’ le idee, e fornire qualche risposta alle domande che vi sto ponendo!

  Se c’è qualcuno lassù, potrebbe mandarmi un cenno

Solo una piccola luce guida, per distinguere il bene dal male;
Solo alcune risposte alle domande che vi sto ponendo
Io veglierò in un deserto di specchi;
Dove niente è esattamente ciò che sembra
Stai cercando di arrivarci, sei così vicino che potresti toccarlo
Ma poi tutto scompare
quando ci sei così vicino
Ma un giorno scopriremo di essere nel giusto
E fino ad allora io veglierò in un deserto di specchi
Niente qui è veramente ciò che sembra
Ho paura di urlare perché non vorrei richiamare l’attenzione;
Dei potenti che presidiano le nostre menti e le nostre vite
Quando scopriranno che quello che voglio è l’arma più mortale
E cioè la verità
Ogni giorno si sente di più
E ogni giorno diventa sempre più forte
Ma quando non posso più urlare
E ho bisogno di essere rassicurato
Ascolto la folla.
 

 BIG WEDGE 

(Il grande imbroglio)
 

Ieri ho scoperto una nuova religione,
Avevo appena oltrepassato la dogana del JFK
Un prete entrava in una Cadillac
Il lustrascarpe cantava un Gospel
Mentre Dio e i suoi ragionieri si allontanavano in macchina
Si può vedere da costa a costa in diretta televisiva,
Da uno stadio dove era passato Satana proprio la sera prima
La colletta dei fedeli è esentasse Servirà a pagare la sua campagna elettorale e il suo yacht
E noi tutti ci inchiniamo, ci inchiniamo al grande imbroglio
Per comprarci un po’ di paradiso qui sulla terra
Vendiamo l’anima, vendiamo l’anima al grande imbroglio
Stiamo svendendo il nostro domani in favore dell’oggi

Il chirurgo ti controlla la plastica al telefono
Un concerto Casio ti intrattiene mentre sei a casa
I tuoi crediti sono abbastanza per una Madonna o una Bardot
Un Dali o un Picasso per le sue pareti

Ti vedo bene, ti vedo bene col grande imbroglio
Stai trattenendo il domani in favore dell’oggi?
Ci stanno entrando, stanno entrando nel grande inganno
Stiamo svendendo il domani in favore dell’oggi?

Venderete la terra che avete sotto i piedi
Venderete il vostro petrolio, venderete i vostri alberi
I vostri ideali e l’integrità, la vostra cultura e la vostra storia
I vostri figli in schiavitù lavoreranno nelle loro fabbriche
Le vostre madri e le vostre famiglie
Vendereste il mondo se foste in grado di farlo
L’FMI e la CIA, non c’è differenza, sono la stessa cosa
Dipende solo dal tuo punto di vista

America, America il grande imbroglio
Stanno comprando il tuo domani proprio oggi
Con le promesse, le promesse di un grande imbroglio
E le infrangeranno, proprio come hanno fatto coi vostri cuori in passato
Quando scoprirete che ve ne siete andati troppo tardi
E saprete che siete gli unici da biasimare
Che avete svenduto il vostro domani a favore dell’oggi per il grande imbroglio.

STATE OF MIND
(Stato mentale)
 

Io non mi fido del governo,
Non mi fido neanche dell’opposizione
Non è che io sia paranoico, dico solo come stanno le cose
Ogni giorno sento un piccolo urlo dentro di me
Ogni giorno mi accorgo che diventa più forte
Vorrei solo arrivare a toccare qualcuno
Perché so di avere bisogno di un amico in questo brutto periodo

Noi, la gente, siamo stanchi delle vostre menzogne
Noi, la gente, crediamo che sia giunto il momento
Facciamo valere il nostro diritto ad una risposta
Eleggeremo un precedente ad uno stato mentale

Io mi fido delle cospirazioni
Del potere dell’esercito
Qui in questo deserto di specchi
Non c’è nemmeno libertà di parola
Ogni giorno sento un piccolo urlo dentro di me
Ogni giorno mi accorgo che diventa più forte
Vorrei solo arrivare a toccare qualcuno
Perché so di aver bisogno di un amico in questo brutto periodo

Noi, la gente, vogliamo cambiamento immediato
Perché noi, la gente, ci stiamo stancando dei vostri giochetti
Se voi ci insultate con una propaganda di basso livello
Noi eleggeremo un precedente ad uno stato mentale

Ogni giorno sento un piccolo urlo dentro di me
Ogni giorno mi accorgo che diventa più forte
Vorrei solo arrivare a toccare qualcuno
Perché so di avere bisogno di un amico in questo brutto periodo

Quando noi, la gente, abbiamo le spalle al muro
E’ solo allora che noi, la gente, assumiamo il controllo?
Quando è troppo tardi per fermare la nostra esecuzione
Quando siamo faccia a faccia con la soluzione finale
Non puoi fare una rivoluzione da sogno
Quando hai una pallottola puntata dietro la tua mente

E’ solo uno stato mentale.

THE COMPANY
(La compagnia)
 

Dove i mendicanti accettano assegni
E i bambini rubano carte di credito dalle tasche dei barboni
Distesi per la strada
Mi sono risvegliato nel futuro
Ed è successo proprio ieri
Insicuro del mio passato
Che è un nodo alla gola

Mi offri da bere, e poi pensi di avere il diritto
Di strisciare nella mia mente
E di farmi a pezzi l’anima
Mi dici che sono libero, e poi vuoi che scenda a compromessi
Che svenda i miei sogni
E dici che per merito tuo ne varrà
la pena

Oh ragazzi bevete alla mia salute adesso, qui sulla collina
Per metà su e per metà giù
Oh ragazzi bevete alla mia salute adesso, qui sulla collina
Per metà su e per metà giù

Mi dici che sono ubriaco, e poi ti siedi e fai il presuntuoso per un po’
Convinto di avere ragione, di essere ancora padrone dei tuoi sensi
Io rido del tuo atteggiamento di superiorità
Le tue false banalità mi fanno vomitare
Al più presto capirai che sono veramente felice
Se mi si lascia decidere la compagnia che voglio

Oh ragazzi bevete alla mia salute adesso, qui sulla collina
Per metà su e per metà giù
Oh ragazzi bevete alla mia salute adesso, qui sulla collina
APer metà su e per metà giù
Oh per la compagnia
Nato per la compagnia
Vivrò per la compagnia fino alla morte

Al più presto capirai che sono veramente felice
Se mi si lascia decidere la compagnia che voglio
La compagnia che voglio è unica e solida,
Completamente affidabile,
Schietta e sincera
Pulita, esperta, intuitiva ed affascinante
E allora perché non ti levi di torno, questa compagnia è la mia!

Oh ragazzi bevete alla mia salute adesso, qui sulla collina
Per metà su e per metà giù
Oh ragazzi bevete alla mia salute adesso, qui sulla collina
Per metà su e per metà giù
Oh per la compagnia, sogno la compagnia
Vivrò per la compagnia fino alla morte
Oh per la compagnia, sogno la compagnia
Berrò alla compagnia finché non moriremo
Finché non moriremo, finché non moriremo.

A GENTLEMAN’S EXCUSE ME
(Le scuse di un gentiluomo)
 

Tieni ancora i fiori di carta
Nell’ultimo cassetto insieme ai pizzi del Belgio?
E li tiri fuori ogni anno
Per guardare i colori che si sbiadiscono?
Credi ancora nelle fiabe?
E nei merli dei castelli scintillanti
Al sicuro dai draghi che stanno dietro la collina
Sei ancora la principessa russa
Salvata dal danzatore zingaro
E’ una storia che racconti ancora a chi ha voglia di ascoltarti?
Vivi una vita di fantasia, il tuo diario è fiction romantica
Non vedi che per me è difficile?
Non capisci cosa sto cercando di dirti?

Sono le scuse di un gentiluomo, significa che faccio un passo indietro
Riesci a metterti in testa che io sono stanco di danzare?
Per ogni passo avanti, facciamo due passi indietro
Non riesci a metterti in testa che io sono stanco di danzare?

So che ti piacciono ancora i Walzer vecchio stile
E il tuo riflesso nello specchio con cui ti compiaci
Mentre scivoli ballando sul pavimento
Ma se ti dicessi che la musica è finita, mi daresti retta?
E che il tuo carnet di ballo è vuoto, che in realtà non c’è nessuno?
Credi ancora a Babbo Natale, e che da qualche parte c’è un miliardario
che sta cercando la tua porta di casa, con la chiave di una vita
che non capiresti mai?
Tutto ciò che io ho da offrirti è l’amore che ho, offerto liberamente
Ne comprenderai il valore quando capirai ciò che ho cercato di dirti

Sono le scuse di un gentiluomo, significa che faccio un passo indietro
Riesci a metterti in testa che io sono stanco di danzare?
Per ogni passo avanti, faccio due passi indietro
Riesci a metterti in testa che da questo passo avanti
Non si può più tornare indietro?
Riesci a metterti in testa che io sono stanco di danzare?
Abbiamo finito di danzare.

THE VOYEUR
(I like to watch)
(Il voyeur – Mi piace guardare-)
 

Cattura il satellite, il raggio in azione
La vita è allo stremo
Dal vivo nel tuo salotto, i nostri sensi sul telecomando, l’eccesso all’estremo
La distanza tra Lockerbie e il Libano si accorcia ogni giorno
Hollywood dista da Hungerford solo una pressione sul tasto

Mi piace guardare gli impegni poco plausibili dei politici educati
Mi piace guardarli anche più dei miei video osceni
Mi piace guardare

Il piagnucolare di una ragazza bella ma scema
Una regina di bellezza che ti pugnala alla schiena
Giornali solleticanti trasformano un umido sogno in azione
Un’attrazione fatale, vite private che sono messe all’asta
Un armadio pieno di scheletri che stanno per uscire ed entrare in gioco

Mi piace guardare i disastri in replay e riguardarli a rallentatore
Mi piace guardare le interviste sotto ai riflettori
Che bussano alla porta di casa
Mi piace guardare

Guardare come il mio viso si riflette sul televisore spento
Quando i programmi sono finiti mi piace fingere di essere io
lassù a dare i titoli, con primi piani che riprendono il mio lato destro
Non mi importa se è solo un momento, basta che sia l’ora di punta
Basta solo che tutti i miei amici e la mia famiglia mi vedano
e che il mondo conoscerà il mio nome
- Forza, così! -

Mi piace guardare gli psicologi che speculano e gli analisti che analizzano
Mi piace guardare i miei modi e le mie ragioni, l’argomento dei talk shows
Mi piace guardare… spegni – accendi.

FAMILY BUSINESS
(Affari di famiglia)
 

Ho sentito una battaglia che infuriava dall’altra parte della parete
Ho sepolto la testa sotto il cuscino cercando di ignorarla
Ogni notte quando vi sento, sogno di buttare giù la porta
Di essere un cavaliere vendicatore con l’armatura splendente
Che ti salvi da tutto questo
Da questo affare di famiglia
Affare di famiglia
Quanto tempo durerà, affare di famiglia
Non riguarda nessuno questo affare di famiglia
Ma ditemi per quanto tempo continuerà l’affare di famiglia

Quando ti vedo al supermercato con gli occhiali da sole all’ombra
Eviti gli sguardi interrogativi, come ti sei procurata quei lividi?
I bambini stretti alle tue gambe, avrebbero così tante cose da dire
Ma papà è a casa seduto, e ancora ubriaco
Perciò si mordono le labbra e pregano
Perché a papà non piace la gente che si impiccia dei suoi affari privati
E se un assistente sociale fà domande, beh,
Sei inciampata e caduta dalle scale

Sono affaridi famiglia, teniamoli come affari di famiglia
Mi sapete dire quanto tempo continuerà, l’affare di famiglia
Non riguarda nessuno questo affare di famiglia
Ma ditemi quanto tempo durerà, l’affare di famiglia

Sta aspettando alla fermata dell’autobus ai piedi della collina
Sa che non lo prenderà mai, sa che non lo farà mai
I bambini sono la sua ragione di vita, non le è rimasto nulla da perdere
Non ha nessun posto dove scappare, ma sa che deve andarsene
Perché quando papà prende i bambini, ogni sera dura sempre di più
E il paradiso che lei attende tramite l’inferno dura tutta la notte

Sono affari di famiglia, teniamoli come affari di famiglia
Mi sapete dire quanto tempo continuerà, l’affare di famiglia
Non riguarda nessuno questo affare di famiglia
Ma ditemi quanto tempo durerà, l’affare di famiglia

Perciò io divento un complice e non ho un alibi
Con la vittima vicino casa l’unico modo con cui posso giustificarmi
E’ che si tratta di un affare di famiglia, affare di famiglia
Quanto tempo lo sopporteremo, l’affare di famiglia?

VIEW FROM THE HILL
(La vista dalla collina)
 

Stai seduto a pensare che tutto andrà per il verso giusto
Ma non riesci a vedere le erbacce aggrovigliate ai tuoi piedi
Non riesci a vedere il legno degli alberi perché la foresta sta bruciando
E dici che a farti piangere è solo il fumo negli occhi

Ti hanno venduto la vista dalla collina
E ti hanno detto che la vista dalla collina
Sarebbe stata più ampia di quanto tu non avessi mai visto
Ti hanno venduto la vista dalla collina
Ti hanno venduto la vista dalla collina

Eri un ballerino e un approfittatore
Un poeta ed un pazzo
Per la regalità della confusione rompevi tutte le regole
La tua suprema decadenza
Le tue speranze proiettate verso l’alto
Con un occhio ti guardavi alle spalle
Mentre l’altro era rivolto alla collina

Dicevi sempre che avevi paura dell’altezza
Dicevi che ti venivano le vertiggini
Dicevi che non gradire che i tuoi piedi
Stessero troppo lontani dal suolo

Ma loro ti dissero che lassù l’aria era migliore
Ti promisero più spazio per muoverti
E più spazio per respirare

Ti hanno venduto la vista dalla collina
E ti hanno detto che la vista dalla collina
era più ampia di quanto tu non avessi mai visto

Dovevi tenere duro per sempre
Credevi che non ti avrebbero mai fatto cambiare idea
Noi pensavamo che non ti potessero comprare
Che il prezzo sarebbe stato troppo alto
Che le ricchezze che loro offrivano
Non le avresti degnate nemmeno di uno sguardo

Ma la tua coscienza era rinchiusa nella prigione dei tuoi schemi
E il tuo giudizio era accecato dalle tue visioni e dai tuoi sogni
Pregavi e speravi che la vista dalla collina
Fosse più ampia di quanto non avessi mai visto prima
Per la vista dalla collina tenevamo tutti alto lo sguardo
(rifletti)

Tutte le persone che amavi a cui hai mentito
Sono ormai degli estranei che ti sei lasciato alle spalle
Tutti quelli che tenevano realmente a te
Li hai calpestati mentre salivi
Tu che tovevi tener duro per sempre
Per i tuoi padri e per i tuoi compagni
Dovevi tenere duro per tutti quelli che sono stati qui
Il limite era dentro di te e l’hai percorso dall’inizio alla fine
Stavi facendo il gioco che avevi imparato molto prima
Vagando come un folle, mantieni il tuo posto con vista dalla collina

Ti hanno venduto la vista dalla collina
Osserva bene la vista dalla collina
E scoprirai che la vista non va oltre a quello che avevi già visto
Ti hanno venduto la vista dalla collina
E tu sei rimasto lì ad assorbire tutto dalla vista dalla collina

Tutto andrà per il verso giusto.

CLICHE’
(Cliché)
 

Ho la fama di essere un uomo
Col dono della parola
Un tipo romantico e poetico
O almeno così dicono
Ma trovo difficile esprimere a parole
I miei sentimenti verso di te
Senza dover utilizzare dei vecchi cliché

I vecchi cliché, solo dei vecchi cliché

Ho cominciato questa canzone innumerevoli volte
Ma mai in un modo
Che non avresti considerato come un vecchio cliché
Vorrei dirti che ho bisogno di te
E che mi manchi quando non ci sei
E come sia stato il destino…
Ma eccoci di nuovo, è il solito vecchio cliché
E’ il solito vecchio cliché

Non sono imbarazzato o timido, mi conosci fin troppo bene
Ma vorrei rendere speciale questa canzone
In modo che tu possa capire
Che è unicamente per te e per nessun’altra
Per la mia migliore amica, la mia amante
Quando ho bisogno di aiuto
Cliché – Cliché?

Tutto quello che voglio dirti
E’ racchiuso in un vecchio cliché
Ho aspettato così tanto prima di incontrarti
Sono passato attraverso il dolore e un cuore spezzato
Ma sicuramente tu lo sai già perché hai li hai provati anche tu
Ecco perché sto cercando di dirti
Con la mia più profonda sincerità
Ecco perché sto scendendo verso la semplicità basilare
La cosa migliore
E’ utilizzare un vecchio cliché
La cosa migliore
E’ semplicemente utilizzare un vecchio cliché
La cosa migliore
E’ sempre utilizzare un vecchio cliché
Mi affiderò al modo migliore
E’ un vecchio cliché

Ti amo.

Share on Facebook
Questa voce è stata pubblicata in Musica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento