Tempi di cottura di alcuni tipi fagioli secchi

Tempi di cottura con sistema normale ( non pentole a pressione)  e dopo l’ammollo, per regolarsi in caso di cottura di più varietà insieme.

Cannellini 70 minuti

Occhio 60 minuti

Rossi 180 minuti

Borlotti 120 minuti

Neri 120 minuti

Share on Facebook
Pubblicato in Cibo e bevande, Cucina | Contrassegnato , | Lascia un commento

Il brodo di verdure SCIENTIFICO….. XD

Giusto per condividere le mie scoperte frutto di estenuanti letture che riguardano la fisica e la chimica… la fisica per tutto ciò che riguarda la composizione dei materiali e degli utensili e la chimica per il modo in cui gli stessi reagiscono  alla cottura   e al raffreddamento.

Si impara così a capire come si tagliano gli alimenti seguendo le fasce delle loro strutture, e come estrarre da ogni alimento il massimo del suo potenziale in termini di sapidità, aroma e consistenza.

Così facendo anche l’umile brodo di verdura può diventare un alimento sopraffino… anche se si vanno a sfatare molteplici luoghi comuni che si susseguono inalterati nel tempo e denominati ” l’esperienza delle nonne” , che a volte funziona impeccabilmente, e a volte invece naufraga miseramente.   In molte ricette infatti, anche quelle pubblicate in libri autorevoli, manca l’attenzione al moderato uso di sale, additivo molte volte perfettamente inutile e  la vocazione all’uso di erbe aromatiche e spezie, che possono rendere appetibile e perfettamente ” salato” anche un modesto uovo sodo.

Ma veniamo al dunque: BRODO DI VERDURE

Premessa:

Utilizziamo sempre e comunque le carote  e le cipolle, perchè le carote conferiranno un bel colore al nostro brodo e possono favorire l’addensamento di una salsa se poi si userà il brodo per preparane una, mentre le cipolle cotte contengono molecole esaltatrici della sapidità e quindi aumentano l’intensità dei sapori nella bocca.

Prima di aggiungere qualunque liquido bisogna aspettare che le verdure ” sudino” in modo da ammorbidirle ed estrarne tutti gli aromi.

il colore del brodo dipenderà da quanto si lasceranno rosolare le verdure. più chiaro se per poco tempo, ovviamente non si devono far però bruciare le verdure, altrimenti il brodo saprà di amaro.

Per avere un sapore intenso un brodo di verdure  deve essere preparato con molti tipi di verdure.

Cosa ci occorre:

Ingredienti per circa 1.5 litri di brodo ( questa è una base ma si possono variare i tipi di verdura e variarne le proporzioni, insomma dipende da cosa avete in casa o da cosa trovate in negozio, l’importante è che sia verdura fresca e  che il peso totale sia 1250 g per ogni 2l di acqua.

  • 250 g di carote
  • 300 g di cipolle
  • 200 g di funghi
  • 250 g di porri
  • 250 g di pastinaca ( facoltativa e sostituibile con altri ingredienti)
  • 2 l di acqua
Se volte un brodo più denso allora occorrerà aggiungere  250 g di patate .
All’opera!
Per prima cosa bisognerà pulire e tagliare tutte verdure in pezzi da circa 1 cm.
Poi andranno fatte sudare in una padella di acciao o smaltata in entrambi i casi con un fondo alto, ovviamente abbastanza grande da contenerle poi tutte.
Il fuoco dovrà essere basso.
Senza aggiungere alcun tipo di grassi, si inizierà con le cipolle i porri e poi via via con gli altri ingredienti terminando con i funghi.  si aggiungono in sequenza appena notiamo che si sono scaldate quelle precedenti, dopodiché  si dovrà coprire bene la padella e mescolare con regolarità sino a che non avranno perso metà del loro volume.
Ora tutto sta a voi, se volete un brodo chiaro o scuro.
Se userete il brodo per poi preparare una salsa scura  e densa, lasciate che uno strato di verdure si attacchi sul fondo, alzate il fuoco e lasciate che le verdure diventino color cioccolato, aggiungete quindi un po’ di acqua calda e deglassate con una spatolina, staccando per bene tutto dal fondo, poi coprite con acqua per una volta e mezza quella necessaria a coprire le verdure ( circa due litri).
Si lascerà cuocere ancora per 40 minuti a fuoco basso.
Dopo si dovranno scolare  e passarle premendole con forza in un colino, ovviamente dentro il brodo che avete scolato prima!). Alla fine nel colino deve restare l’equivalente di una tazzina di materiale solido che va gettano nell’umido, sarà del tutto esaurito.
Il brodo quindi resterà scuro e molto molto gustoso….. ( vi siete accorti, vero, che non ho scritto mai la parola SALE?)
Il brodo leggero ma scuro si ottiene  semplicemente colando il brodo, ma senza poi schiacciare le verdure.
Il brodo che sarà più denso ma chiaro si ottiene modificando un po’ la cottura principale: l’acqua bollente  va aggiunta tutta appena le verdure iniziano a rosolare e la cottura va fatta proseguire a fuoco basso per un’ora, non si deve mescolare e quello che si sarà attaccato sul fondo andrà poi spatolato , per avere il brodo scuro occorre poi premere le verdure al colino, per averlo denso ma chiaro no.
Share on Facebook
Pubblicato in Cibo e bevande, Cucina | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Traduzioni – Fish – Internal Exile album – 1991

SHADOWPLAY
(Gioco d’ombre)

Rannicchiato in posizione fetale,
Nell’angolo della mia anima
Le unghie della mia mano sanguinano per l’arrampicarsi sui muri
Questa volta mi hai davvero fatto male, hai colpito nel segno
E sto disperatamente cercando di trovare una ragione
Per perdonarti tutto questo
Io vedevo la tua vita come un gioco d’ombre
Come in trance, ero in balia del gioco d’ombre
Sotto l’incantesimo del gioco d’ombre
Dell’Illuminazione Celtica
Io vedo l’Illuminazione Celtica
Non mi ero mai reso conto di quanto ci fossimo spinti lontano
Mi sono girato, e non ho visto altro che distanza
Attraverso la rabbia che bruciava ogni volta che qualcuno pronunciava il tuo nome
Avrei dovuto notarlo, avrei dovuto leggerne i sintomi
Avremmo potuto parlarne e risolvere il problema
Non ci sembrava ovvio allora
Ma non è realmente ovvio nemmeno adesso
Sarei potuto cambiare, avrei potuto stabilirmi
Avrei potuto essere in qualunque modo tu mi volessi
Se solo me ne avessi data la possibilità
Ma sembra proprio che adesso sia troppo tardi per farlo
Pensavo di conoscerti, pensavo che ce l’avessimo fatta
Ci ho riflettuto, e credo di aver avuto le risposte
Dopo tutto ciò che abbiamo detto e fatto
L’unica cosa che conosco veramente è il tuo nome

Sto seduto e aspetto il gioco d’ombre
Fammi entrare nel mondo del gioco d’ombre
Ti seguirò nel gioco d’ombre
Attraverso l’illuminazione celtica
Datemi l’illuminazione celtica
L’illuminazione.

CREDO
(Credo)

Guardo la TV ogni sera
Sto sveglio col satellite
Spero e prego che gli incubi oggi mi stiano lontani
Uno strato untuoso sopra a uno scoglio corallino
Una nuvola nera sopra di me
Quando premo i tasti sul telecomando
I programmi rimangono gli stessi

Una lancia levigata dal sangue e dal sudore
Un’arma da fuoco abbaia ad un cane rabbioso
Una tomba poco profonda abbraccia un’autostrada
Sotto al sole cocente

Credo, credo, credo, credo
Non significa nulla; non significa nulla
Non significa nulla; non significa nulla per me

Quando il cancro succhia via la vita ad una ragazza
Quando una società incatena l’anima di un ragazzo
Quando la polvere di carbone un giorno rubò
il respiro a mio nonno

Credo, credo, credo, credo
Non significa nulla; non significa nulla
Non significa nulla; non significa nulla per me

Un vagabondo stracciato cammina in una via ventosa
Per chiudere un cerchio affollato, una luce di calderaio
Un uomo si trasforma in una montagna, sotto la neve che cade
Una madre urla e un bambino piange Il ricordo svanisce prima che il sangue si sia seccato
Un ago punge la coscienza
Per aiutarla a scomparire

Credo, credo, credo, credo
Non significa nulla; non significa nulla
Non significa nulla; non significa nulla per me

Più si grida, meno si ascolta,
O almeno le cose sembravano andare in questo modo
Ma proprio non riesco più a vedere la differenza
Di questi tempi
Le labbra aperte di un chierichetto
Un pianeta gira su se stesso nel vuoto silenzioso
Possiamo fare sempre meno scelte
Sulla terra ultimamente

Credo, credo, credo, credo
Non significa nulla; non significa nulla
Non significa nulla; non significa nulla per me.

JUST GOOD FRIENDS – Close
(Solo buoni amici – vicini)

C’è una cosa che voglio chiederti
Prima che sia troppo tardi
Mi è rimasta in mente dalla prima volta che ci siamo incontrati
Mi fa ancora più paura, ora che c’è molto di più in gioco
Sembra che siamo così vicini, eppure siamo così lontani

Mi rifiuteresti con gentilezza
E io sarei distrutto
Se ti dichiarassi i miei reali sentimenti?
Oppure dovrei recitare la parte del padre confessore
Della spalla su cui piangere
Siamo sempre così vicini
Eppure siamo così lontani

Cosa faresti se mi mettessi in ginocchio davanti a te?
Mi volteresti le spalle
Ti metteresti in fila?
Cosa faresti se ti aprissi il mio cuore?
Sarei solo un altro che perde il suo tempo?
Cara, siamo solo buoni amici?

Ho davvero bisogno di chiedertelo?
Perché sono sicuro che a questo punto tu lo sai già
Stiamo solo portando avanti un gioco in cui fingiamo
Che tutto quello che c’è tra noi è quello che c’è tra noi
E tutto ciò su cui possiamo contare è di essere solo buoni amici

Perciò non ci rimane che incontrarci casualmente
E’ tutto qui quello da cui dipendiamo?
Rassegnati ad alzare bicchieri in bar anonimi
A recitare i nostri fallimenti come se avessimo bisogno
Di prove o rimpianti
Su ciò che avremmo potuto essere
E ciò che sarebbe dovuto accadere
Cara, siamo solo buoni amici?

Cosa faresti se mi mettessi in ginocchio davanti a te?
Mi volteresti le spalle
Ti metteresti in fila?
Cosa faresti se ti aprissi il mio cuore?
Sarei solo un altro che perde il suo tempo?
Cara, siamo solo buoni amici?

FAVOURITE STRANGERS
(Estranei preferiti)

A volte sento di aver perso qualcosa
Guadagnando tutto
Ma non riesco a identificare che cosa
E’ come una di quelle sensazioni irritanti
Come sedersi con le spalle appoggiate ad una porta aperta
Aspettando uno dei tuoi estranei preferiti

Trovo difficile parlarne
Non è facile come si potrebbe immaginare
Stare qui seduto ad aspettare
Cercando di accettare
Che c’è qualcosa che manca
Che c’è qualcosa che non si trova
Ed ecco perché tu stai lì seduta
E mi stai ad ascoltare mentre cerco di spiegarti che

Sei il mio estraneo preferito
Ma non leggere tra le righe
Potrei dirti che ti amo in questo momento
In questo attimo che vola via
Ma potrei dirti onestamente
Che non so perché sono qui
A condividere i miei problemi con te
Quando anche tu hai i tuoi da condividere
Coi tuoi estranei preferiti

Forse ho solo bisogno di un pubblico
Per fare finta che sia tutta una messa in scena
Ma tutto quello che ne ricavo è la tua confidenza
E un numero sull’agenda
In considerazione del fatto che sarà un nome
Quello che si dissolverà un giorno con lo champagne rovesciato
E io mi ricorderò e accetterò
Che tu eri uno dei miei estranei preferiti

Qualche volta so di aver perso tutto
Guadagnando qualcosa
Ma non riesco a identificare esattamente che cosa
E’ come una di quelle sensazioni irritanti
Come sedersi con le spalle appoggiate ad una porta aperta
Aspettando degli estranei preferiti.

LUCKY
(Fortunato)

Incontrò il mondo come un ragazzo di Dalkeith
Fu cresciuto da un imbroglione di Monktonhall
In una gabbia ben lubrificata
Che rinchiudeva i suoi sogni

Il viso di un veterano dell’85 nella galleria
Un fantasma della guerra civile in famiglia
Teneva duro nel cordone degli scioperanti
Finché tutto quello che gli rimase furono
La tosse di suo padre e gli occhi di sua madre
Che trattennero le lacrime per la prima volta
Quando il governo lo lasciò senza lavoro

Ma ora col pugno alzato, sulla difensiva
Declama il suo nome tenendo il tempo
Per alcuni è l’unico modo di dimostrare di essere vivi

Avresti potuto essere tu
Avrei potuto essere io
Avrebbe potuto essere chiunque
Ma lui è nato fortunato

Diede il suo primo acconto
Per un raffinato completo italiano
E cucì delle lamette di rasoio sui risvolti
Lo vedi sudare sulla pista da ballo
Che sprizza polvere di carbone da tutti i pori
Un uomo duro con una vita dura
E questa è la storia che ti racconterà
Giù a Easter Road fino a farsi venire la gola secca
Di domenica, lui conosce il risultato
Finché non risuona il fischio finale
E i colori sbiadiscono insieme al loro carattere

Avresti potuto essere tu
Avrei potuto essere io
Avrebbe potuto essere chiunque
Ma lui è nato fortunato

Sulle piattaforme di decollo ad Aberdeen
Diretto alle ricche piattaforme dei mari da cui si estrae il petrolio
Dove i pescatori con le loro reti diminuiscono
Di anno in anno
Vicino alle fornaci a Ravenscraig
Accanto ai lucchetti che chiudono i cancelli di John Brown
Nel deserto, nei campi di South Armagh
Dove crescono i papaveri
Dietro al ruggito di Hampden
Dietro ad una batteria a Genova
Sul ponte che naviga una piena del Sud Atlantico
E’ nato per combattere sui ring più difficili
Puoi scommettere su di lui con tutti i pronostici a tuo sfavore
Non lo schiacceranno
Nonostante quanto ci provino

Avresti potuto essere tu
Avrei potuto essere io
Avrebbe potuto essere chiunque
Ma lui è nato fortunato.

DEAR FRIEND
(Caro amico)

Caro amico
E’ da tanto, tanto tempo
Che ho intenzione di scriverti
Ma non è mai stato il mio stile
Ma sai com’è adesso, ora ho messo su famiglia

Mandi baci sinceri alle tue amanti
Di pomeriggio, in segreto?
Indossi i tuoi travestimenti, fingi di essere sorpreso
Alle domande che lei ti pone, quando osa accusarti?
Il tuo passato giace sotto a uno strato di polvere
Nell’angolo di un vecchio garage?
E’ lì che tengo, il mio, ora ho messo su famiglia

I tuoi cavalli corrono ancora
Quando il negozio delle scommesse chiude?
La band esiste ancora? Siete mai stati in tour?
Abbiamo inseguito le stesse donne
Abbiamo bevuto la stessa birra
Facevamo coppia fissa quando frequentavamo questi posti
Come stai adesso, ora hai messo su famiglia?

Paga da bere da parte mia a quel ragazzo
che sta in fondo al bar
Porta i miei saluti a Nina, bevi una Tequila
Ti scriverò a Natale, o ti manderò un biglietto di auguri
E se verrai da queste parti
Sei invitato ad entrare e venirmi a trovare
Perché è improbabile che io sarò dalle tue parti
Perché sono felice di essere dove sono
E di vivere una vita da padre di famiglia

Hai ancora le tue giacche di pelle o le hai date via?
Sogni ancora Joni e i caffè da marciapiede americani?
La tua Norton funziona ancora? E il vecchio è ancora vivo?
Vivi ancora a Dalkeith, l’affitto è ancora così alto?
Ma suppongo che tu abbia fatto un mutuo, ora avrai messo su famiglia
Caro amico
E’ da tanto, tanto tempo
Che ho intenzione di scriverti
Ma non è mai stato il mio stile
Ma sai com’è adesso, ora ho messo su famiglia

TONGUES
(Enigmi)

Se tu sapessi veramente come mi sento
Non avresti bisogno di essere qui a farmi
Quelle domande
Quelle irritanti domande
E di muoverti con delle metafore
Stai parlando per enigmi

La tua diplomazia da cannoniera
Mi accusi di eresia, di essere irriverente
La mia opinione è irrilevante
Quando sorrido ai tuoi sorrisi
Parli per enigmi
Mentre ci muoviamo verso una posizione di stallo
Dici che un contratto è un contratto e che non è negoziabile
Io metto in discussione la tua moralità
Tu metti in discussione la mia realtà
Parli per enigmi

Parliamo per enigmi
Parliamo per enigmi
Sono forse sordo? Perché non riesco a comprendere
Parliamo per enigmi
Parliamo per enigmi
Parliamo per enigmi
Nonostante i miei sforzi, proprio non riesco a capire

Le tue opinioni trincerate
Ai limiti dell’arroganza
Che spinge contro i compromessi
Una posizione insostenibile
Le tue azioni sono illogiche
Parli per enigmi

Giuri contraddizioni
I tuoi monologhi tediosi per brandire l’autorità
Che richiedono servilismo, che richiedono… Ho capito cosa intendi
Che richiedono di parlare per enigmi

Parliamo per enigmi
Parliamo per enigmi
Sono forse sordo? Perché non riesco a comprendere
Parliamo per enigmi
Parliamo per enigmi
Parliamo per enigmi
Nonostante i miei sforzi, proprio non riesco a capire.

INTERNAL EXILE
(Esilio Interno)

Ho visto un ombrello blu nei giardini di Princes Street
Che si dirigeva ad ovest verso la Lothian Road
Un Evening News ficcato in tasca
Avvolto nei suoi problemi per tenere lontano il freddo
Lo spirito di Grierson infesta la zona del porto
Dove gli unici che lavorano sono gli uomini dei documentari
Che girano i filmati, dove si allungano le ombre
Dove le linee di congiunzione scompaiono
Dove il petrolio si asciuga

Heilà ragazzo, esilio interno
Quando ti renderai conto che dobbiamo lasciar perdere?
Heilà ragazza, esilio interno
Quando ti renderai conto che dobbiamo lasciar perdere?

Storni di uccelli vagano attorno alle guglie Georgiane
E i fuochi del Grangemouth bruciano il cielo
Un leone dorme nel recinto di una dimora
In una terra che è stanca e sorda rispetto al suo ruggito

Heilà ragazzo, esilio interno
Quando ti renderai conto che dobbiamo lasciar perdere?
Heilà ragazza, esilio interno
Quando ti renderai conto che dobbiamo lasciar perdere?

SOMETHING IN THE AIR
(Qualcosa nell’aria)

(testo di Speedy/Keene)

Chiamate i fomentatori perché c’è qualcosa nell’aria
Dobbiamo metterci insieme prima o poi perché la rivoluzione è alle porte
E sapete che è giusta, sapete che è giusta
Dobbiamo organizzarci
Dobbiamo organizzarci subito
Ora siamo insieme

Svegliate la gente bussando alle porte perché c’è qualcosa nell’aria
Dobbiamo unirci prima o poi perché la rivoluzione è qui
E sapete che è giusta, sapete che è giusta
Dobbiamo organizzarci
Dobbiamo organizzarci subito

Tirate fuori le armi e le munizioni
Ci faremo strada ad esplosioni
Dobbiamo unirci prima o poi perché la rivoluzione è qui
E sapete che è giusta, sapete che è giusta
Dobbiamo organizzarci
Dobbiamo organizzarci subito
Dobbiamo organizzarci subito
Ora, ora siamo insieme, la rivoluzione è alle porte
E’ qui, la revoluzione è qui adesso.

Share on Facebook
Pubblicato in Musica | Contrassegnato , , | Lascia un commento

traduzioni – Fish – Vigil in a wilderness of mirros – album -1990

VIGIL
(Veglia)

 Ascoltatemi, datemi retta,

Vorrei avere la vostra attenzione
Acquietatevi un momento per ascoltare una voce nella folla.
Sono così confuso… e proprio non comprendo
So che anche voi vi sentite allo stesso modo
E avreste sempre voluto dirlo
Ma non se ne ha mai la possibilità
Siamo solamente una voce nella folla.

  Non mi tornano più i conti

Nulla è più così chiaro
Non riesco più a distinguere ciò che è giusto da ciò che è sbagliato
Proprio non capisco!
 

Stavo proprio qui seduto a pensare
Di barattare il nuovo mondo per uno vecchio
Come cambiare i canali della TV,
O tramutare in oro la polvere in cui stiamo
Quando ero piccolo mi padre mi diceva che solo i cattivi muoiono
A quell’epoca era solo una bugia detta a fin di bene
Fu una delle prime, ma mi fece più male di qualsiasi altra
E la verità mi trafisse come le lacrime nei miei occhi
Perché anche i buoni devono morire
Non c’è bisogno di ragionarci sopra e non si tratta un crimine,
e non ho mai saputo perché
Anche ora tutto ciò mi stimola il pianto.

 Se c’è qualcuno lassù, potrebbe mandarmi un cenno

Solo dare una mano, solo chiarirmi un po’ le idee, e fornire qualche risposta alle domande che ora mi circondano
 

Se c’è qualcuno lassù, potrebbe mandarmi un cenno
Solo una piccola luce guida, per distinguere il bene dal male
Solo alcune risposte alle domande che vi sto ponendo

 Io sto vegliando in un deserto di specchi

Niente qui è veramente ciò che sembra
Ci sei molto vicino, ma non arrivi mai a capire
Perché tutto quello che vedo non è mai quello che sembra
Sono forse cieco?

 E voi state lì seduti a parlare di rivoluzione

Ma mi sapete dire esattamente chi comanda?
Quando mi direte quali sono le forze da combattere
Allora mi unirò a voi e farò volentieri dei piani
Ma per ora solo le nostre T-shirts chiedono la libertà
E le nostre voci sono imbavagliate dalla nostra avidità
Le nostre menti sono imbrigliate dalla conoscenza
Dalla visione della cima e dal desiderio di avere successo
E se non credete che sia così
Allora fatemi sapere che non sono da solo
Che non sono solo una voce nella folla.

 Se c’è qualcuno lassù, potrebbe mandarmi un cenno

Solo dare una mano, solo chiarirmi un po’ le idee, e fornire qualche risposta alle domande che vi sto ponendo!

  Se c’è qualcuno lassù, potrebbe mandarmi un cenno

Solo una piccola luce guida, per distinguere il bene dal male;
Solo alcune risposte alle domande che vi sto ponendo
Io veglierò in un deserto di specchi;
Dove niente è esattamente ciò che sembra
Stai cercando di arrivarci, sei così vicino che potresti toccarlo
Ma poi tutto scompare
quando ci sei così vicino
Ma un giorno scopriremo di essere nel giusto
E fino ad allora io veglierò in un deserto di specchi
Niente qui è veramente ciò che sembra
Ho paura di urlare perché non vorrei richiamare l’attenzione;
Dei potenti che presidiano le nostre menti e le nostre vite
Quando scopriranno che quello che voglio è l’arma più mortale
E cioè la verità
Ogni giorno si sente di più
E ogni giorno diventa sempre più forte
Ma quando non posso più urlare
E ho bisogno di essere rassicurato
Ascolto la folla.
 

 BIG WEDGE 

(Il grande imbroglio)
 

Ieri ho scoperto una nuova religione,
Avevo appena oltrepassato la dogana del JFK
Un prete entrava in una Cadillac
Il lustrascarpe cantava un Gospel
Mentre Dio e i suoi ragionieri si allontanavano in macchina
Si può vedere da costa a costa in diretta televisiva,
Da uno stadio dove era passato Satana proprio la sera prima
La colletta dei fedeli è esentasse Servirà a pagare la sua campagna elettorale e il suo yacht
E noi tutti ci inchiniamo, ci inchiniamo al grande imbroglio
Per comprarci un po’ di paradiso qui sulla terra
Vendiamo l’anima, vendiamo l’anima al grande imbroglio
Stiamo svendendo il nostro domani in favore dell’oggi

Il chirurgo ti controlla la plastica al telefono
Un concerto Casio ti intrattiene mentre sei a casa
I tuoi crediti sono abbastanza per una Madonna o una Bardot
Un Dali o un Picasso per le sue pareti

Ti vedo bene, ti vedo bene col grande imbroglio
Stai trattenendo il domani in favore dell’oggi?
Ci stanno entrando, stanno entrando nel grande inganno
Stiamo svendendo il domani in favore dell’oggi?

Venderete la terra che avete sotto i piedi
Venderete il vostro petrolio, venderete i vostri alberi
I vostri ideali e l’integrità, la vostra cultura e la vostra storia
I vostri figli in schiavitù lavoreranno nelle loro fabbriche
Le vostre madri e le vostre famiglie
Vendereste il mondo se foste in grado di farlo
L’FMI e la CIA, non c’è differenza, sono la stessa cosa
Dipende solo dal tuo punto di vista

America, America il grande imbroglio
Stanno comprando il tuo domani proprio oggi
Con le promesse, le promesse di un grande imbroglio
E le infrangeranno, proprio come hanno fatto coi vostri cuori in passato
Quando scoprirete che ve ne siete andati troppo tardi
E saprete che siete gli unici da biasimare
Che avete svenduto il vostro domani a favore dell’oggi per il grande imbroglio.

STATE OF MIND
(Stato mentale)
 

Io non mi fido del governo,
Non mi fido neanche dell’opposizione
Non è che io sia paranoico, dico solo come stanno le cose
Ogni giorno sento un piccolo urlo dentro di me
Ogni giorno mi accorgo che diventa più forte
Vorrei solo arrivare a toccare qualcuno
Perché so di avere bisogno di un amico in questo brutto periodo

Noi, la gente, siamo stanchi delle vostre menzogne
Noi, la gente, crediamo che sia giunto il momento
Facciamo valere il nostro diritto ad una risposta
Eleggeremo un precedente ad uno stato mentale

Io mi fido delle cospirazioni
Del potere dell’esercito
Qui in questo deserto di specchi
Non c’è nemmeno libertà di parola
Ogni giorno sento un piccolo urlo dentro di me
Ogni giorno mi accorgo che diventa più forte
Vorrei solo arrivare a toccare qualcuno
Perché so di aver bisogno di un amico in questo brutto periodo

Noi, la gente, vogliamo cambiamento immediato
Perché noi, la gente, ci stiamo stancando dei vostri giochetti
Se voi ci insultate con una propaganda di basso livello
Noi eleggeremo un precedente ad uno stato mentale

Ogni giorno sento un piccolo urlo dentro di me
Ogni giorno mi accorgo che diventa più forte
Vorrei solo arrivare a toccare qualcuno
Perché so di avere bisogno di un amico in questo brutto periodo

Quando noi, la gente, abbiamo le spalle al muro
E’ solo allora che noi, la gente, assumiamo il controllo?
Quando è troppo tardi per fermare la nostra esecuzione
Quando siamo faccia a faccia con la soluzione finale
Non puoi fare una rivoluzione da sogno
Quando hai una pallottola puntata dietro la tua mente

E’ solo uno stato mentale.

THE COMPANY
(La compagnia)
 

Dove i mendicanti accettano assegni
E i bambini rubano carte di credito dalle tasche dei barboni
Distesi per la strada
Mi sono risvegliato nel futuro
Ed è successo proprio ieri
Insicuro del mio passato
Che è un nodo alla gola

Mi offri da bere, e poi pensi di avere il diritto
Di strisciare nella mia mente
E di farmi a pezzi l’anima
Mi dici che sono libero, e poi vuoi che scenda a compromessi
Che svenda i miei sogni
E dici che per merito tuo ne varrà
la pena

Oh ragazzi bevete alla mia salute adesso, qui sulla collina
Per metà su e per metà giù
Oh ragazzi bevete alla mia salute adesso, qui sulla collina
Per metà su e per metà giù

Mi dici che sono ubriaco, e poi ti siedi e fai il presuntuoso per un po’
Convinto di avere ragione, di essere ancora padrone dei tuoi sensi
Io rido del tuo atteggiamento di superiorità
Le tue false banalità mi fanno vomitare
Al più presto capirai che sono veramente felice
Se mi si lascia decidere la compagnia che voglio

Oh ragazzi bevete alla mia salute adesso, qui sulla collina
Per metà su e per metà giù
Oh ragazzi bevete alla mia salute adesso, qui sulla collina
APer metà su e per metà giù
Oh per la compagnia
Nato per la compagnia
Vivrò per la compagnia fino alla morte

Al più presto capirai che sono veramente felice
Se mi si lascia decidere la compagnia che voglio
La compagnia che voglio è unica e solida,
Completamente affidabile,
Schietta e sincera
Pulita, esperta, intuitiva ed affascinante
E allora perché non ti levi di torno, questa compagnia è la mia!

Oh ragazzi bevete alla mia salute adesso, qui sulla collina
Per metà su e per metà giù
Oh ragazzi bevete alla mia salute adesso, qui sulla collina
Per metà su e per metà giù
Oh per la compagnia, sogno la compagnia
Vivrò per la compagnia fino alla morte
Oh per la compagnia, sogno la compagnia
Berrò alla compagnia finché non moriremo
Finché non moriremo, finché non moriremo.

A GENTLEMAN’S EXCUSE ME
(Le scuse di un gentiluomo)
 

Tieni ancora i fiori di carta
Nell’ultimo cassetto insieme ai pizzi del Belgio?
E li tiri fuori ogni anno
Per guardare i colori che si sbiadiscono?
Credi ancora nelle fiabe?
E nei merli dei castelli scintillanti
Al sicuro dai draghi che stanno dietro la collina
Sei ancora la principessa russa
Salvata dal danzatore zingaro
E’ una storia che racconti ancora a chi ha voglia di ascoltarti?
Vivi una vita di fantasia, il tuo diario è fiction romantica
Non vedi che per me è difficile?
Non capisci cosa sto cercando di dirti?

Sono le scuse di un gentiluomo, significa che faccio un passo indietro
Riesci a metterti in testa che io sono stanco di danzare?
Per ogni passo avanti, facciamo due passi indietro
Non riesci a metterti in testa che io sono stanco di danzare?

So che ti piacciono ancora i Walzer vecchio stile
E il tuo riflesso nello specchio con cui ti compiaci
Mentre scivoli ballando sul pavimento
Ma se ti dicessi che la musica è finita, mi daresti retta?
E che il tuo carnet di ballo è vuoto, che in realtà non c’è nessuno?
Credi ancora a Babbo Natale, e che da qualche parte c’è un miliardario
che sta cercando la tua porta di casa, con la chiave di una vita
che non capiresti mai?
Tutto ciò che io ho da offrirti è l’amore che ho, offerto liberamente
Ne comprenderai il valore quando capirai ciò che ho cercato di dirti

Sono le scuse di un gentiluomo, significa che faccio un passo indietro
Riesci a metterti in testa che io sono stanco di danzare?
Per ogni passo avanti, faccio due passi indietro
Riesci a metterti in testa che da questo passo avanti
Non si può più tornare indietro?
Riesci a metterti in testa che io sono stanco di danzare?
Abbiamo finito di danzare.

THE VOYEUR
(I like to watch)
(Il voyeur – Mi piace guardare-)
 

Cattura il satellite, il raggio in azione
La vita è allo stremo
Dal vivo nel tuo salotto, i nostri sensi sul telecomando, l’eccesso all’estremo
La distanza tra Lockerbie e il Libano si accorcia ogni giorno
Hollywood dista da Hungerford solo una pressione sul tasto

Mi piace guardare gli impegni poco plausibili dei politici educati
Mi piace guardarli anche più dei miei video osceni
Mi piace guardare

Il piagnucolare di una ragazza bella ma scema
Una regina di bellezza che ti pugnala alla schiena
Giornali solleticanti trasformano un umido sogno in azione
Un’attrazione fatale, vite private che sono messe all’asta
Un armadio pieno di scheletri che stanno per uscire ed entrare in gioco

Mi piace guardare i disastri in replay e riguardarli a rallentatore
Mi piace guardare le interviste sotto ai riflettori
Che bussano alla porta di casa
Mi piace guardare

Guardare come il mio viso si riflette sul televisore spento
Quando i programmi sono finiti mi piace fingere di essere io
lassù a dare i titoli, con primi piani che riprendono il mio lato destro
Non mi importa se è solo un momento, basta che sia l’ora di punta
Basta solo che tutti i miei amici e la mia famiglia mi vedano
e che il mondo conoscerà il mio nome
- Forza, così! -

Mi piace guardare gli psicologi che speculano e gli analisti che analizzano
Mi piace guardare i miei modi e le mie ragioni, l’argomento dei talk shows
Mi piace guardare… spegni – accendi.

FAMILY BUSINESS
(Affari di famiglia)
 

Ho sentito una battaglia che infuriava dall’altra parte della parete
Ho sepolto la testa sotto il cuscino cercando di ignorarla
Ogni notte quando vi sento, sogno di buttare giù la porta
Di essere un cavaliere vendicatore con l’armatura splendente
Che ti salvi da tutto questo
Da questo affare di famiglia
Affare di famiglia
Quanto tempo durerà, affare di famiglia
Non riguarda nessuno questo affare di famiglia
Ma ditemi per quanto tempo continuerà l’affare di famiglia

Quando ti vedo al supermercato con gli occhiali da sole all’ombra
Eviti gli sguardi interrogativi, come ti sei procurata quei lividi?
I bambini stretti alle tue gambe, avrebbero così tante cose da dire
Ma papà è a casa seduto, e ancora ubriaco
Perciò si mordono le labbra e pregano
Perché a papà non piace la gente che si impiccia dei suoi affari privati
E se un assistente sociale fà domande, beh,
Sei inciampata e caduta dalle scale

Sono affaridi famiglia, teniamoli come affari di famiglia
Mi sapete dire quanto tempo continuerà, l’affare di famiglia
Non riguarda nessuno questo affare di famiglia
Ma ditemi quanto tempo durerà, l’affare di famiglia

Sta aspettando alla fermata dell’autobus ai piedi della collina
Sa che non lo prenderà mai, sa che non lo farà mai
I bambini sono la sua ragione di vita, non le è rimasto nulla da perdere
Non ha nessun posto dove scappare, ma sa che deve andarsene
Perché quando papà prende i bambini, ogni sera dura sempre di più
E il paradiso che lei attende tramite l’inferno dura tutta la notte

Sono affari di famiglia, teniamoli come affari di famiglia
Mi sapete dire quanto tempo continuerà, l’affare di famiglia
Non riguarda nessuno questo affare di famiglia
Ma ditemi quanto tempo durerà, l’affare di famiglia

Perciò io divento un complice e non ho un alibi
Con la vittima vicino casa l’unico modo con cui posso giustificarmi
E’ che si tratta di un affare di famiglia, affare di famiglia
Quanto tempo lo sopporteremo, l’affare di famiglia?

VIEW FROM THE HILL
(La vista dalla collina)
 

Stai seduto a pensare che tutto andrà per il verso giusto
Ma non riesci a vedere le erbacce aggrovigliate ai tuoi piedi
Non riesci a vedere il legno degli alberi perché la foresta sta bruciando
E dici che a farti piangere è solo il fumo negli occhi

Ti hanno venduto la vista dalla collina
E ti hanno detto che la vista dalla collina
Sarebbe stata più ampia di quanto tu non avessi mai visto
Ti hanno venduto la vista dalla collina
Ti hanno venduto la vista dalla collina

Eri un ballerino e un approfittatore
Un poeta ed un pazzo
Per la regalità della confusione rompevi tutte le regole
La tua suprema decadenza
Le tue speranze proiettate verso l’alto
Con un occhio ti guardavi alle spalle
Mentre l’altro era rivolto alla collina

Dicevi sempre che avevi paura dell’altezza
Dicevi che ti venivano le vertiggini
Dicevi che non gradire che i tuoi piedi
Stessero troppo lontani dal suolo

Ma loro ti dissero che lassù l’aria era migliore
Ti promisero più spazio per muoverti
E più spazio per respirare

Ti hanno venduto la vista dalla collina
E ti hanno detto che la vista dalla collina
era più ampia di quanto tu non avessi mai visto

Dovevi tenere duro per sempre
Credevi che non ti avrebbero mai fatto cambiare idea
Noi pensavamo che non ti potessero comprare
Che il prezzo sarebbe stato troppo alto
Che le ricchezze che loro offrivano
Non le avresti degnate nemmeno di uno sguardo

Ma la tua coscienza era rinchiusa nella prigione dei tuoi schemi
E il tuo giudizio era accecato dalle tue visioni e dai tuoi sogni
Pregavi e speravi che la vista dalla collina
Fosse più ampia di quanto non avessi mai visto prima
Per la vista dalla collina tenevamo tutti alto lo sguardo
(rifletti)

Tutte le persone che amavi a cui hai mentito
Sono ormai degli estranei che ti sei lasciato alle spalle
Tutti quelli che tenevano realmente a te
Li hai calpestati mentre salivi
Tu che tovevi tener duro per sempre
Per i tuoi padri e per i tuoi compagni
Dovevi tenere duro per tutti quelli che sono stati qui
Il limite era dentro di te e l’hai percorso dall’inizio alla fine
Stavi facendo il gioco che avevi imparato molto prima
Vagando come un folle, mantieni il tuo posto con vista dalla collina

Ti hanno venduto la vista dalla collina
Osserva bene la vista dalla collina
E scoprirai che la vista non va oltre a quello che avevi già visto
Ti hanno venduto la vista dalla collina
E tu sei rimasto lì ad assorbire tutto dalla vista dalla collina

Tutto andrà per il verso giusto.

CLICHE’
(Cliché)
 

Ho la fama di essere un uomo
Col dono della parola
Un tipo romantico e poetico
O almeno così dicono
Ma trovo difficile esprimere a parole
I miei sentimenti verso di te
Senza dover utilizzare dei vecchi cliché

I vecchi cliché, solo dei vecchi cliché

Ho cominciato questa canzone innumerevoli volte
Ma mai in un modo
Che non avresti considerato come un vecchio cliché
Vorrei dirti che ho bisogno di te
E che mi manchi quando non ci sei
E come sia stato il destino…
Ma eccoci di nuovo, è il solito vecchio cliché
E’ il solito vecchio cliché

Non sono imbarazzato o timido, mi conosci fin troppo bene
Ma vorrei rendere speciale questa canzone
In modo che tu possa capire
Che è unicamente per te e per nessun’altra
Per la mia migliore amica, la mia amante
Quando ho bisogno di aiuto
Cliché – Cliché?

Tutto quello che voglio dirti
E’ racchiuso in un vecchio cliché
Ho aspettato così tanto prima di incontrarti
Sono passato attraverso il dolore e un cuore spezzato
Ma sicuramente tu lo sai già perché hai li hai provati anche tu
Ecco perché sto cercando di dirti
Con la mia più profonda sincerità
Ecco perché sto scendendo verso la semplicità basilare
La cosa migliore
E’ utilizzare un vecchio cliché
La cosa migliore
E’ semplicemente utilizzare un vecchio cliché
La cosa migliore
E’ sempre utilizzare un vecchio cliché
Mi affiderò al modo migliore
E’ un vecchio cliché

Ti amo.

Share on Facebook
Pubblicato in Musica | Contrassegnato , , , | Lascia un commento